InfoErbe

Lindera neesiana

Lindera neesiana (Wallich ex Nees) Kurz

Mon, 26 Jan 2009 17:35:23 +0100

Farmacologia

  • i Magnoliidi sono caratterizzati dalla presenza di neolignani ad azione antinfiammatoria. Gli OE delle Lauraceae sono particolarmente ricchi in derivati del percorso biogenetico dello shikimato, fenilpropanoidi come eteri fenolici e fenoli, ad attività biologica elevata ma con profilo tossicologico più importante dei terpenoidi.
    I frutti, le foglie e la corteccia di Lindera neesiana contengono olio essenziale, in particolare dai frutti secchi si ha una resa dell’1% (Gurung, Yonzon, Rijal ????), dalle foglie fresche del 1.3% e dai ramoscelli dello 0.5% (Singh et al. 1995).
    L’OE di foglia è caratterizzato da metil cavicolo (83.76%) e safrolo (11.86%) mentre miristicina (69.99%) e 1,8-cineolo (17.97%) caratterizzano l’OE di ramoscelli (Singh et al. 1995). La presenza di metil cavicolo e safrolo, due molecole a sospetta attività epatotossica ed epatocarcinogenica (sono dei procarcinogeni attivabili dai sistemi de detossificazione epatica) suggerisce che l’OE di foglia sia potenzialmente tossico.
    Secondo analisi non ancora pubblicate dell’Università di Padova l’OE del frutto (raccolto e distillato da uno degli autori) mostra attività antibatterica ad ampio spettro e molto decisa.

  • Mon, 26 Jan 2009 17:33:08 +0100

Glossario

Licenza Creative Commons
Il database InfoErbe
è pubblicato con
Licenza Creative Commons

Marco Valussi
Luciano Posani

Copyright 2000 - 2005 Miro International Pty Ltd. All rights reserved. Mambo is Free Software released under the GNU/GPL License.