InfoErbe

Vivisezione e status morale degli animali
Article Index
Vivisezione e status morale degli animali
Page 2
Page 3
Page 4
Page 5
Page 6
Page 7
Page 8
Page 9
Page 10
Page 11
Marco Valussi



The day may come when the rest of the animal creation may acquire those rights which never could have been witholden from them but by the hand of tyranny.  The French have already discovered that the blackness of the skin is no reason why a human being should be abandoned without redress to the caprice of a tormentor.  It may one day come to be recognized that the number of the legs, the villosity of the skin or the termination of the os sacrum are reasons equally insufficient for abandoning a sensitive being to te same fate. What else is it that should trace the insuperable line?  Is it the faculty of reason, or perhaps the faculty of discourse?  But a full-grown horse or a dog is beyond comparison a more rational, as well as a more conversable animal, than an infant of a day or a week, or even a month, old.  But suppose they were otherwise, what would it avail?  The question is not, Can they reason? nor can they talk?  but Can they suffer?

(Bentham (1789) Introduction to the Principles of Morals and Legislation, Capitolo 17, nota a piè di pagina).


 
Preambolo
Il problema che intendo analizzare in quest'articolo, è quello dell'uso (e della sofferenza e/o morte che ne possono derivare) d'animali non umani (d'ora in poi “animali”) per la predizione di risultati e/o la conferma d'ipotesi riguardo agli esseri umani. Intendo affrontare il problema sia dal punto di vista etico sia dal punto di vista scientifico.
La discussione in questo campo è molto polarizzata; questa caratteristica impedisce sovente di avere un'idea chiara del problema e delle proposte in campo.  Da entrambi i campi sono usati argomenti ad personam e da “uomo di paglia”, la demonizzazione dell'avversario è comune, come il passaggio indebito da valutazioni d'ordine morale del problema a giudizio morale sui singoli individui o gruppi di persone, in un campo nel quale si è lontani da un sentire etico condiviso.
E' indubbio che negli ultimi decenni l'opinione del mondo biomedico riguardo al problema morale posto dalla sofferenza e dalla morte degli animali sia cambiata e si presenti molto più variegata.  In particolare gli autori più sensibili al problema hanno dichiarato la necessità di supportare la politica delle 3R (Replacement, Reduction, Refinement, vale a dire rimpiazzo, riduzione e affinamento) come rimedio all'utilizzo inutile, irrilevante e ripetitivo degli animali come modelli (vedi ad esempio Smith 2001; Balls 1996; Balls 1995; ed anche www.frame.uk.demon.co.uk).
D'altro canto in molti casi anche quest'appello rimane inascoltato e le posizioni degli antivivisezionisti sono tacciate d'irrazionalismo o zoofilia.
Le posizioni di certi settori dell'antivivisezionismo sono, d'altra parte, in certi casi difficilmente accettabili, perché si arroccano dogmaticamente su argomenti insostenibili come l'assoluta uguaglianza tra diversi tipi d'animali o la santità della vita.  Questa posizione a mio parere poco ha a che vedere con una valutazione razionale ed etica del problema.  E' molto più utile riconoscere le grandi variazioni nella possibilità di soffrire degli animali che promuovere dogmi non supportabili circa l'universalità e l'uguaglianza del dolore.  Il mito sulla santità della vita è un'arma a doppio taglio: può servire per convincere persone che mancano di strumenti critici ma al prezzo d'ipocrisie offensive o autoinganni.  Meglio rinforzare nelle persone l'apprezzamento per gli argomenti non assolutisti e non dicotomici rispetto ai problemi morali, argomenti che si basano, come vedremo più avanti, sulla nostra crescente conoscenza del cervello e della sua evoluzione.

La tesi sostenuta in quest'articolo si divide in tre argomenti:
1. Il problema della sperimentazione animale è un problema moralmente rilevante.
2. Le scelte di politica scientifica non sono indipendenti dalle ragioni extrascientifiche.
3. I modelli animali generalmente utilizzati in biomedicina non sono predittivi ma meramente euristici.  Come tali non servono al compito più importante per il quale sono usati: convalidare delle ipotesi sugli esseri umani; come strumenti meramente euristici sono probabilmente sostituibili da altri modelli non senzienti.


Licenza Creative Commons
Il database InfoErbe
č pubblicato con
Licenza Creative Commons

Marco Valussi
Luciano Posani

Copyright 2000 - 2005 Miro International Pty Ltd. All rights reserved. Mambo is Free Software released under the GNU/GPL License.